Imbiancare è anche sognare….

Ieri sera ho finito di imbiancare la cucina, questi giorni di prigionia mi hanno portato a fare anche cose delle quali ritenevo non esser capace. Guardo e riguardo il risultato finale del mio lavoro e riconosco che non è poi tanto male. Forse in quell’angolo della stanza si nota qualche pennellata che contrasta con l’uniformità della parete. Ha poca importanza perché mi fa pensare al mare e mi prende la stessa meraviglia. La sorpresa del calore del sole sulla pelle, di un refolo fiacco di vento, di una sorta di bonaccia e la luce riflessa sulle onde e il guizzo di un pesce e il volo dei gabbiani e il rumore della risacca e l’odore inconfondibile del sale. Il piccolo “legno” che spinto dalla forza dei remi scia leggero sotto costa e ti fa sentire libero, sereno e felice. Mi sento vivo, prigioniero ma vivo, in una misura che l’esperienza ordinaria non conosce. Imbiancare è servito, non solo ad impiegare una parte di questo tempo recluso, ma anche a tirar fuori ricordi. Continuo ad osservare la parete nella ricerca di altre imperfezioni dovute alla mia inesperienza ma che servono a far galoppare la mia immaginazione. Ecco, in quel punto la vernice non è stesa bene e ha lasciato un’impronta che somiglia molto alla cima di un monte, si vede a malapena, ma i miei occhi assetati nella ricerca di un difetto, non si staccano da quel punto e ripenso a quando arrampicavo. Le rocce dei monti, i forteti e i roveti che graffiano le mani, le terre, la gente che incontravo, le piante, il calore e l’odore dell’interno dei rifugi. Tutte immagini che ancora conservo nel mio cuore e come la mia vita sono sacre. Perché il salire in montagna è conoscenza, un vero e proprio modo di respirare la vita. Non è solo neve, cascate, dirupi, torrenti, boschi pascoli, serate intorno al fuoco. Non è un elenco freddo di cose e di sensazioni ma alito di vita. Vivere con passione, occupando spazio, corpo, fragilità nascoste si può fare anche imbiancando una stanza. Serve a conoscere i propri limiti ma, a volte, anche a sognare e nel sogno immaginare il futuro di un domani che già si intravede all’orizzonte.

ao

6 Replies to “Imbiancare è anche sognare….

  1. È bello conservare la capacità di guardare le cose con gli occhi dell’immaginazione, viaggiare spinti dai ricordi e dal desiderio, sentire l’emozione che sale dal profondo e sboccia in un sorriso.

  2. È incredibile come tu riesca a trasformare le parole in immagini, uscire da una parete, arrivare su una barca che scivola sul mare e poi su una parete rocciosa.
    Bellissimo

  3. La vera poesia è vedere dove sembra che non ci sia niente da vedere,, sentire quello che quasi nessuno sente, scrivere quello che altri non potrebbero scrivere

Rispondi a Cristina Bianchi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *