“Le nuvole” di De André

Le Nuvole

Vanno vengono 
ogni tanto si fermano 
e quando si fermano 
sono nere come il corvo 
sembra che ti guardano con malocchio 

Certe volte sono bianche 
e corrono 
e prendono la forma dell’airone 
o della pecora 
o di qualche altra bestia 
ma questo lo vedono meglio i bambini 
che giocano a corrergli dietro per tanti metri 

Certe volte ti avvisano con rumore 
prima di arrivare 
e la terra si trema 
e gli animali si stanno zitti 
certe volte ti avvisano con rumore 

Vengono vanno ritornano 
e magari si fermano tanti giorni 
che non vedi più il sole e le stelle 
e ti sembra di non conoscere più 
il posto dove stai 

Vanno vengono 
per una vera mille sono finte 
e si mettono lì tra noi e il cielo 
per lasciarci soltanto una voglia di pioggia. 

(Fabrizio De Andrè)

Il testo è stato scritto da Fabrizio De André e Mauro Pagani, erroneamente attribuito alla poetessa Alda Merini. È probabile che, una delle voci di donna nell’album del cantante, sia molto simile a quella di Alda Merini e quindi, per errore, le venga attribuita.

Racconta De André:

“Ho scelto Lalla Pisano e Maria Mereu perché le loro voci mi sembravano in grado di rappresentare bene «la Madre Terra», quella, appunto, che vede continuamente passare le nuvole e rimane ad aspettare che piova. È messo subito in chiaro che «si mettono lì / tra noi e il cielo»: se da una parte ci obbligano ad alzare lo sguardo per osservarle, dall’altra ci impediscono di vedere qualcosa di diverso o più alto di loro. Allora le nuvole diventano entità che decidono al di sopra di noi e cui noi dobbiamo sottostare, ma, pur condizionando la vita di tutti, sono fatte di niente, sono solo apparenza che ci passa sopra con indifferenza e noncuranza per nostra voglia di pioggia…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.